La fortuna della Gerusalemme liberata nella produzione artistica fra il XVI e il XVIII secolo