Tra epigrafia e filologia: un gladiatore di nome Rutumanna