In questo contributo viene per la prima volta analizzato un ponte situato nel comune di San Giorgio la Molara nella parte settentrionale della provincia di Benevento. Si tratta di un ponte inedito che sino al 2015 non era visibile in tutta la sua interezza. I piloni erano infatti interrati a causa della deviazione subita dal corso fluviale. Gli accadimenti meteorologici dell’autunno di quell’anno ne hanno improvvisamente scoperto la consistenza e ci permettono oggi di valutare l’opera come monumento dell’architettura romana di epoca repubblicana. Questa attribuzione è stata possibile anche attraverso una prima analisi del contesto territoriale e un attento rilevamento. Conferma questa ipotesi il confronto stilistico e tipologico con un ponte, purtrop- po perduto durante la seconda guerra mondiale, presente nel territorio beneventano e appartenente alla via Appia. Viene in fine proposta una ricostruzione immaginata come una sorta di restauro conservativo pen- sando il monumento nel periodo medievale in cui il parato murario superiore era stato asportato e sostituito con opera incerta composta da piccoli conci o scheggioni regolarizzati.

Il ponte dell’Isca. La ri-scoperta di un ponte romano nella media valle del Tammaro / Carpiceci, Marco; Schiavo, Antonio; Iazeolla, Tiziana. - (2023), pp. 913-936. (Intervento presentato al convegno 44° Convegno Internazionale dei Docenti delle Discipline della Rappresentazione Congresso della Unione Italiana per il Disegno tenutosi a Palermo).

Il ponte dell’Isca. La ri-scoperta di un ponte romano nella media valle del Tammaro

Marco Carpiceci
;
Antonio Schiavo;Tiziana Iazeolla
2023

Abstract

In questo contributo viene per la prima volta analizzato un ponte situato nel comune di San Giorgio la Molara nella parte settentrionale della provincia di Benevento. Si tratta di un ponte inedito che sino al 2015 non era visibile in tutta la sua interezza. I piloni erano infatti interrati a causa della deviazione subita dal corso fluviale. Gli accadimenti meteorologici dell’autunno di quell’anno ne hanno improvvisamente scoperto la consistenza e ci permettono oggi di valutare l’opera come monumento dell’architettura romana di epoca repubblicana. Questa attribuzione è stata possibile anche attraverso una prima analisi del contesto territoriale e un attento rilevamento. Conferma questa ipotesi il confronto stilistico e tipologico con un ponte, purtrop- po perduto durante la seconda guerra mondiale, presente nel territorio beneventano e appartenente alla via Appia. Viene in fine proposta una ricostruzione immaginata come una sorta di restauro conservativo pen- sando il monumento nel periodo medievale in cui il parato murario superiore era stato asportato e sostituito con opera incerta composta da piccoli conci o scheggioni regolarizzati.
2023
44° Convegno Internazionale dei Docenti delle Discipline della Rappresentazione Congresso della Unione Italiana per il Disegno
ponte romano inedito; rilevamento digitale; media valle del Tammaro; San Giorgio la Molara; via Appia Traiana
04 Pubblicazione in atti di convegno::04b Atto di convegno in volume
Il ponte dell’Isca. La ri-scoperta di un ponte romano nella media valle del Tammaro / Carpiceci, Marco; Schiavo, Antonio; Iazeolla, Tiziana. - (2023), pp. 913-936. (Intervento presentato al convegno 44° Convegno Internazionale dei Docenti delle Discipline della Rappresentazione Congresso della Unione Italiana per il Disegno tenutosi a Palermo).
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Carpiceci_Il ponte dell’Isca_2023.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 4.32 MB
Formato Adobe PDF
4.32 MB Adobe PDF

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1707154
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact