Nell’agosto 1914 Ardengo Soffici dipinse il soggiorno della casa di campagna di Giovanni Papini a Bulciano, in provincia di Arezzo. L’insieme di questi affreschi, denominato dallo stesso Papini in una sua prosa poetica La sala dei manichini, è un riuscito esperimento nell’ambito dell’avanguardia italiana degli anni Dieci e combina fonti moderniste con la cultura tradizionale toscana, creando un divertissement cubo-futurista che strizza l’occhio al mondo contadino. La sala dei manichini è anche uno dei rari lavori di quel decennio – specialmente in uno spazio non politico – a rappresentare in modo esteso figure extra europee. L’interpretazione data dalla critica anche fino a tempi più recenti1 si è soprattutto concentrata sul matrimonio formale tra avanguardia di matrice francese e le radici popolari toscane, trascurando invece il richiamo al “primitivismo” e l’atmosfera sociopolitica in cui gli affreschi furono creati.

«Giocolanti oltremarini»: immagini e memorie coloniali nella sala dei manichini / Beatrice, Giulia. - (2023), pp. 95-110. (Intervento presentato al convegno Il visibile parlare. Giovanni Papini e le arti visive tenutosi a Milano; Italia).

«Giocolanti oltremarini»: immagini e memorie coloniali nella sala dei manichini

Giulia Beatrice
2023

Abstract

Nell’agosto 1914 Ardengo Soffici dipinse il soggiorno della casa di campagna di Giovanni Papini a Bulciano, in provincia di Arezzo. L’insieme di questi affreschi, denominato dallo stesso Papini in una sua prosa poetica La sala dei manichini, è un riuscito esperimento nell’ambito dell’avanguardia italiana degli anni Dieci e combina fonti moderniste con la cultura tradizionale toscana, creando un divertissement cubo-futurista che strizza l’occhio al mondo contadino. La sala dei manichini è anche uno dei rari lavori di quel decennio – specialmente in uno spazio non politico – a rappresentare in modo esteso figure extra europee. L’interpretazione data dalla critica anche fino a tempi più recenti1 si è soprattutto concentrata sul matrimonio formale tra avanguardia di matrice francese e le radici popolari toscane, trascurando invece il richiamo al “primitivismo” e l’atmosfera sociopolitica in cui gli affreschi furono creati.
2023
Il visibile parlare. Giovanni Papini e le arti visive
Giovanni Papini; modernismo; futurismo; Ardengo Soffici; colonialismo; arte italiana; novecento
04 Pubblicazione in atti di convegno::04b Atto di convegno in volume
«Giocolanti oltremarini»: immagini e memorie coloniali nella sala dei manichini / Beatrice, Giulia. - (2023), pp. 95-110. (Intervento presentato al convegno Il visibile parlare. Giovanni Papini e le arti visive tenutosi a Milano; Italia).
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1695392
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact