La banca fra "concessione abusiva" e "interruzione brutale" del credito