Si può dire che anche nel nostro ordinamento si siano realizzate le condizioni che rendono possibile un largo impiego dei robot nella professione forense. Tali condizioni sono: a) l'assoluta centralità della giurisprudenza, meglio, della giurisdizione; b) la forza vincolante per legge dei precedenti, almeno di quelli che costituisconò la «giurisprudenza della Corte'>; c) il fatto che le decisioni si fondano, sempre più "meccanicamente", sui precedenti, rectius, sulle "massime".

Intelligenza artificiale e professione forense. Il robot al servizio dell'avvocato

Di Porto, Andrea
2020

Abstract

Si può dire che anche nel nostro ordinamento si siano realizzate le condizioni che rendono possibile un largo impiego dei robot nella professione forense. Tali condizioni sono: a) l'assoluta centralità della giurisprudenza, meglio, della giurisdizione; b) la forza vincolante per legge dei precedenti, almeno di quelli che costituisconò la «giurisprudenza della Corte'>; c) il fatto che le decisioni si fondano, sempre più "meccanicamente", sui precedenti, rectius, sulle "massime".
978-88-495-4538-8
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Di Porto_Intelligenza -artificiale_2020.pdf.pdf.pdf.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 347 kB
Formato Adobe PDF
347 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/1654485
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact