The treatise compiled by the painter and architect Giuseppe Boschi (1732- 1802) – concerning with the architectural characteristics of ancient Roman private houses – reopens the debate on his contribution to the cultural development of Romagna. It also allows to investigate aristocratic local patronage during the second half of the eighteenth century: a classicism whose impact was affecting both general aesthetic trend and architects’ design preferences.

Il fortuito ritrovamento di un inedito trattato redatto dal «pitore ed architetto faentino» Giuseppe Boschi (1732-1802) attinente alla «casa privata secondo l['] degl’Antichi Latini» non solo riapre il dibattito sull’apporto teorico di questo prolifico erudito operatore agli sviluppi culturali dell’ambente locale ma, al medesimo tempo, consente di approfondire con maggiore cognizione di causa quali fossero gli interessi allora prediletti dalla classe dirigente papale e quali fossero di fatto le tendenze in circolazione in Romagna durante la seconda metà del XVIII secolo: inclinazioni classicheggianti il cui influsso stava mutando rapidamente tanto il senso estetico generale quanto gli orientamenti progettuali degli addetti del settore istruitisi a Roma in quegli anni.

Glosse al trattato di Giuseppe Boschi sulla “Casa privata secondo luso degl’Antichi Latini”

Iacopo Benincampi
2021

Abstract

Il fortuito ritrovamento di un inedito trattato redatto dal «pitore ed architetto faentino» Giuseppe Boschi (1732-1802) attinente alla «casa privata secondo l['] degl’Antichi Latini» non solo riapre il dibattito sull’apporto teorico di questo prolifico erudito operatore agli sviluppi culturali dell’ambente locale ma, al medesimo tempo, consente di approfondire con maggiore cognizione di causa quali fossero gli interessi allora prediletti dalla classe dirigente papale e quali fossero di fatto le tendenze in circolazione in Romagna durante la seconda metà del XVIII secolo: inclinazioni classicheggianti il cui influsso stava mutando rapidamente tanto il senso estetico generale quanto gli orientamenti progettuali degli addetti del settore istruitisi a Roma in quegli anni.
The treatise compiled by the painter and architect Giuseppe Boschi (1732- 1802) – concerning with the architectural characteristics of ancient Roman private houses – reopens the debate on his contribution to the cultural development of Romagna. It also allows to investigate aristocratic local patronage during the second half of the eighteenth century: a classicism whose impact was affecting both general aesthetic trend and architects’ design preferences.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Benincampi_Glosse al trattato di Giuseppe Boschi_2021.pdf

solo gestori archivio

Note: Benincampi_Glosse al trattato di Giuseppe Boschi
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 6.81 MB
Formato Adobe PDF
6.81 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1654067
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact