Abstract SUMMARY: Background. Workers exposed to occupational hazards for the ocular apparatus are subject to health surveillance which includes an eye examination. Objectives. To assess the prevalence of eye diseases among University employees and analyze the association between socio-demographic factors and eye conditions by analyzing computerized data. Methods. A cross-sectional study was conducted on the collected data. A univariate analysis and a logistic regression were performed to verify the association between eye diseases and socio-demographic factors, such as gender and age. This study was carried out using a database of computerized eye charts of a University of Rome, referring to the 2017-2018 period. Results. The sample study consists of 4503 employees, 44.86% men 55.13% women. The average age was 44.53 years. The most frequent eye conditions in University workers are refractive ones: myopia (53.87%), astigmatism (37.95%), presbyopia (34.06%), hypermetropia (14.25%). Multivariate analysis shows that increasing age is associated with an increase in risk with all outcome variables, except for myopia (OR = 0.98; 95% CI: 0.97 - 0.98). Moreover, women have a lower risk of astigmatism (OR = 0.83; C 95%: 0.73 - 0.94), keratoconus (OR = 0.22; 95% CI: 0.09 - 0.54) and dyschromatopsia (OR = 0.08; 95% CI: 0.02 - 0.34). Conclusions. Considering the high number of workers involved in the study, the frequency of exposure to occupational risks and the exposure to multiple risk factors at the same time in some categories of workers, the health surveillance resulted to be a useful tool for monitoring and control of eye diseases in workers at risk.

Introduzione. I lavoratori esposti a rischi lavorativi per l’apparato oculo-visivo sono obbligatoriamente sottoposti a sorveglianza sanitaria che include tra gli accertamenti la visita oculistica. Obiettivo. Valutare la prevalenza delle patologie oculari tra i dipendenti dell’Ateneo e analizzare l’associazione tra fattori socio-demografici e le patologie tramite l’analisi dei dati informatizzati. Metodi. È stato condotto uno studio cross-sectional sui dati raccolti in una cartella clinica elettronica. È stata effettuata un’analisi univariata e successivamente una regressione logistica per verificare l’associazione tra le patologie oculari e le variabili socio-demografiche come genere ed età. Questo studio è stato effettuato utilizzando un database di cartelle oculistiche informatizzate di un Ateneo romano, riferite al periodo 2017-2018. Risultati. Il campione dello studio è di 4503 dipendenti, 44,86% uomini 55.13 % donne. L’età media è risultata pari a 44,53 anni. Le alterazioni oculo-visive più frequenti nei lavoratori dell’Ateneo risultano essere quelle rifrattive: miopia (53,87%), astigmatismo (37,95%), presbiopia (34,06%), ipermetropia (14,25%). L’analisi multivariata mostra che l’incremento dell’età è associato ad un aumento del rischio con tutte le variabili di esito, eccezione fatta per la miopia (OR = 0.98; IC 95%: 0.97 - 0.98). Il sesso femminile è associato ad un minore rischio di astigmatismo (OR= 0.83; C 95%: 0.73 - 0.94), cheratocono (OR = 0.22; IC 95%: 0.09 - 0.54) e discromatopsia (OR = 0.08; IC 95%: 0.02 - 0.34). Conclusioni. Considerando il numero elevato dei lavoratori coinvolti nello studio, la frequenza di esposizione ai rischi lavorativi e il fatto che alcune categorie di lavoratori siano esposte a più fattori di rischio contemporaneamente, si può concludere che la sorveglianza sanitaria possa essere un utile strumento di monitoraggio e controllo delle patologie oculari nei lavoratori a rischio.

Association between socio-demographic factors and eye diseases of italian university employees subjected to health surveillance. An observational study

Sernia S.;Lia L.;D'Egidio V.;Strippoli L.;Antoniozzi T.;Del Buono;Mannocci Alice;La Torre
2021

Abstract

Introduzione. I lavoratori esposti a rischi lavorativi per l’apparato oculo-visivo sono obbligatoriamente sottoposti a sorveglianza sanitaria che include tra gli accertamenti la visita oculistica. Obiettivo. Valutare la prevalenza delle patologie oculari tra i dipendenti dell’Ateneo e analizzare l’associazione tra fattori socio-demografici e le patologie tramite l’analisi dei dati informatizzati. Metodi. È stato condotto uno studio cross-sectional sui dati raccolti in una cartella clinica elettronica. È stata effettuata un’analisi univariata e successivamente una regressione logistica per verificare l’associazione tra le patologie oculari e le variabili socio-demografiche come genere ed età. Questo studio è stato effettuato utilizzando un database di cartelle oculistiche informatizzate di un Ateneo romano, riferite al periodo 2017-2018. Risultati. Il campione dello studio è di 4503 dipendenti, 44,86% uomini 55.13 % donne. L’età media è risultata pari a 44,53 anni. Le alterazioni oculo-visive più frequenti nei lavoratori dell’Ateneo risultano essere quelle rifrattive: miopia (53,87%), astigmatismo (37,95%), presbiopia (34,06%), ipermetropia (14,25%). L’analisi multivariata mostra che l’incremento dell’età è associato ad un aumento del rischio con tutte le variabili di esito, eccezione fatta per la miopia (OR = 0.98; IC 95%: 0.97 - 0.98). Il sesso femminile è associato ad un minore rischio di astigmatismo (OR= 0.83; C 95%: 0.73 - 0.94), cheratocono (OR = 0.22; IC 95%: 0.09 - 0.54) e discromatopsia (OR = 0.08; IC 95%: 0.02 - 0.34). Conclusioni. Considerando il numero elevato dei lavoratori coinvolti nello studio, la frequenza di esposizione ai rischi lavorativi e il fatto che alcune categorie di lavoratori siano esposte a più fattori di rischio contemporaneamente, si può concludere che la sorveglianza sanitaria possa essere un utile strumento di monitoraggio e controllo delle patologie oculari nei lavoratori a rischio.
Abstract SUMMARY: Background. Workers exposed to occupational hazards for the ocular apparatus are subject to health surveillance which includes an eye examination. Objectives. To assess the prevalence of eye diseases among University employees and analyze the association between socio-demographic factors and eye conditions by analyzing computerized data. Methods. A cross-sectional study was conducted on the collected data. A univariate analysis and a logistic regression were performed to verify the association between eye diseases and socio-demographic factors, such as gender and age. This study was carried out using a database of computerized eye charts of a University of Rome, referring to the 2017-2018 period. Results. The sample study consists of 4503 employees, 44.86% men 55.13% women. The average age was 44.53 years. The most frequent eye conditions in University workers are refractive ones: myopia (53.87%), astigmatism (37.95%), presbyopia (34.06%), hypermetropia (14.25%). Multivariate analysis shows that increasing age is associated with an increase in risk with all outcome variables, except for myopia (OR = 0.98; 95% CI: 0.97 - 0.98). Moreover, women have a lower risk of astigmatism (OR = 0.83; C 95%: 0.73 - 0.94), keratoconus (OR = 0.22; 95% CI: 0.09 - 0.54) and dyschromatopsia (OR = 0.08; 95% CI: 0.02 - 0.34). Conclusions. Considering the high number of workers involved in the study, the frequency of exposure to occupational risks and the exposure to multiple risk factors at the same time in some categories of workers, the health surveillance resulted to be a useful tool for monitoring and control of eye diseases in workers at risk.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Sernia_Associazione_2021.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 1.02 MB
Formato Adobe PDF
1.02 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1651761
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? 0
  • Scopus 0
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 0
social impact