Introduzione L’introduzione dell’obbligo della vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia (MPR) in Italia ha condotto a un aumento delle coperture vaccinali nel Paese. Per garantire il mantenimento delle coperture raggiunte, è comunque importante comprendere i fattori che influenzano l’adesione alle vaccinazioni nella popolazione. In questo senso, le donne in gravidanza, in cui le scelte vaccinali si vanno delineando per la prima volta, rappresentano una popolazione ideale di studio e intervento. Materiali e metodi È stata condotta un’indagine trasversale per valutare le conoscenze e le attitudini sulle vaccinazioni pediatriche e l›intenzione di vaccinare tra le donne in gravidanza che hanno frequentato i corsi di accompagnamento alla nascita (CAN) organizzati dai Consultori delle tre ASL della città di Roma. È stato distribuito un questionario autosomministrato, che includeva una sezione specifica sulla vaccinazione MPR. È stata condotta un’analisi statistica univariata e multivariata per analizzare i determinanti dell’intenzione a vaccinare i propri figli contro MPR. Risultati Un totale di 458 donne al terzo trimestre di gravidanza, che ha frequentato i CAN in 36 Consultori e due Ospedali della città di Roma, ha risposto al sondaggio. L’intenzione di vaccinare contro MPR è risultata associata all’avere ricevuto informazioni da un operatore sanitario (OR = 1,92;IC95%: 1,01-3,63), alla percezione dell’importanza della vaccinazione per proteggere contro il morbillo (OR = 4,68; IC95%: 2,48-9,54) e la rosolia (OR = 5,97; IC95%: 2,98-11,95), al dichiarare di non credere alle notizie sui rischi del vaccino MPR (OR = 2,7; IC95%: 1,38-5,50) e di sentirsi in colpa nel caso in cui il bambino dovesse contrarre la malattia (OR = 2,56; IC95%: 1,16-5,62). Fattori associati negativamente all’intenzione di vaccinare erano l’uso di medicine non convenzionali (OR = 0,34; IC95%: 0,16-0,76), il ritenere che il vaccino MPR possa avere gravi effetti collaterali (OR = 0,37; IC95%: 0,00-0,29) e il senso di colpa verso possibili effetti gravi del vaccino (OR = 0,40; IC95%: 0,21- 0,76). Conclusioni Nella popolazione di studio, la paura degli effetti collaterali del vaccino MPR è risultata essere il determinante principale dell’intenzione di vaccinare, insieme alla percezione dell’importanza della vaccinazione per proteggere dal morbillo e dalla rosolia. La fonte di informazioni riveste un ruolo importante nel definire le idee sui vaccini. Per garantire il sostenimento delle coperture vaccinali, dovrebbero essere promosse strategie di informazione e comunicazione per aumentare la fiducia nei vaccini, agendo in particolare sulla paura degli eventi avversi, con un coinvolgimento diretto degli operatori sanitari.

Determinanti dell’intenzione di vaccinare contro morbillo, pertosse e rosolia. Risultati di un’indagine condotta in una popolazione di donne in gravidanza della città di Roma / Rosso, A.; Massimi, A.; Pitini, E.; Baccolini, V.; DE VITO, C.; Marzuillo, C.; Villari, P.. - In: JOURNAL OF PREVENTIVE MEDICINE AND HYGIENE. - ISSN 1121-2233. - 60:3/Supplemento 1(2019), pp. 288-288. ((Intervento presentato al convegno 52° Congresso Nazionale Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) tenutosi a Perugia: Italy.

Determinanti dell’intenzione di vaccinare contro morbillo, pertosse e rosolia. Risultati di un’indagine condotta in una popolazione di donne in gravidanza della città di Roma

A. ROSSO
;
A. MASSIMI;E. PITINI;V. BACCOLINI;C. DE VITO;C. MARZUILLO;P. VILLARI
2019

Abstract

Introduzione L’introduzione dell’obbligo della vaccinazione contro morbillo, parotite e rosolia (MPR) in Italia ha condotto a un aumento delle coperture vaccinali nel Paese. Per garantire il mantenimento delle coperture raggiunte, è comunque importante comprendere i fattori che influenzano l’adesione alle vaccinazioni nella popolazione. In questo senso, le donne in gravidanza, in cui le scelte vaccinali si vanno delineando per la prima volta, rappresentano una popolazione ideale di studio e intervento. Materiali e metodi È stata condotta un’indagine trasversale per valutare le conoscenze e le attitudini sulle vaccinazioni pediatriche e l›intenzione di vaccinare tra le donne in gravidanza che hanno frequentato i corsi di accompagnamento alla nascita (CAN) organizzati dai Consultori delle tre ASL della città di Roma. È stato distribuito un questionario autosomministrato, che includeva una sezione specifica sulla vaccinazione MPR. È stata condotta un’analisi statistica univariata e multivariata per analizzare i determinanti dell’intenzione a vaccinare i propri figli contro MPR. Risultati Un totale di 458 donne al terzo trimestre di gravidanza, che ha frequentato i CAN in 36 Consultori e due Ospedali della città di Roma, ha risposto al sondaggio. L’intenzione di vaccinare contro MPR è risultata associata all’avere ricevuto informazioni da un operatore sanitario (OR = 1,92;IC95%: 1,01-3,63), alla percezione dell’importanza della vaccinazione per proteggere contro il morbillo (OR = 4,68; IC95%: 2,48-9,54) e la rosolia (OR = 5,97; IC95%: 2,98-11,95), al dichiarare di non credere alle notizie sui rischi del vaccino MPR (OR = 2,7; IC95%: 1,38-5,50) e di sentirsi in colpa nel caso in cui il bambino dovesse contrarre la malattia (OR = 2,56; IC95%: 1,16-5,62). Fattori associati negativamente all’intenzione di vaccinare erano l’uso di medicine non convenzionali (OR = 0,34; IC95%: 0,16-0,76), il ritenere che il vaccino MPR possa avere gravi effetti collaterali (OR = 0,37; IC95%: 0,00-0,29) e il senso di colpa verso possibili effetti gravi del vaccino (OR = 0,40; IC95%: 0,21- 0,76). Conclusioni Nella popolazione di studio, la paura degli effetti collaterali del vaccino MPR è risultata essere il determinante principale dell’intenzione di vaccinare, insieme alla percezione dell’importanza della vaccinazione per proteggere dal morbillo e dalla rosolia. La fonte di informazioni riveste un ruolo importante nel definire le idee sui vaccini. Per garantire il sostenimento delle coperture vaccinali, dovrebbero essere promosse strategie di informazione e comunicazione per aumentare la fiducia nei vaccini, agendo in particolare sulla paura degli eventi avversi, con un coinvolgimento diretto degli operatori sanitari.
52° Congresso Nazionale Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI)
04 Pubblicazione in atti di convegno::04d Abstract in atti di convegno
Determinanti dell’intenzione di vaccinare contro morbillo, pertosse e rosolia. Risultati di un’indagine condotta in una popolazione di donne in gravidanza della città di Roma / Rosso, A.; Massimi, A.; Pitini, E.; Baccolini, V.; DE VITO, C.; Marzuillo, C.; Villari, P.. - In: JOURNAL OF PREVENTIVE MEDICINE AND HYGIENE. - ISSN 1121-2233. - 60:3/Supplemento 1(2019), pp. 288-288. ((Intervento presentato al convegno 52° Congresso Nazionale Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) tenutosi a Perugia: Italy.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Rosso_Determinati_2019.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Creative commons
Dimensione 184.04 kB
Formato Adobe PDF
184.04 kB Adobe PDF Visualizza/Apri PDF

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1637125
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact