L’economia animale del sito di Case Missiroli (Cesena) – La composizione faunistica riscontrata nel sito del Bronzo recente di Case Missiroli evidenzia la netta prevalenza delle specie domestiche su quelle selvatiche, rappresentate solo da rari resti di cervo, ad indicare come la caccia rivestisse un ruolo marginale nell’organizzazione economica dell’insediamento. Le specie domestiche maggiormente rappresentate risultano essere gli ovicaprini anche se con una percentuale di poco superiore a quella dei maiali e dei buoi, evidenza di un uso equilibrato delle tre principali risorse domestiche. Le greggi costituite soprattutto da pecore evidenziano uno sfruttamento rivolto all’ottenimento di carne e lana a scapito, probabilmente, della risorsa casearia. La risorsa carnea doveva, comunque, essere garantita per la maggior parte da buoi e maiali, i primi macellati prevalentemente in età adulta al fine di essere sfruttati anche come forza lavoro e per la produzione di latte. Interessante è poi la presenza di un numero piuttosto alto, rispetto ad altre realtà coeve, di resti di cavallo, probabilmente impiegato per scopi utilitaristici, mentre risultano piuttosto rari i cani.

L’economia animale del sito di Case Missiroli (Cesena) / Gabusi, Rossana; Maini, Elena; Curci, Antonio. - 2:(2018), pp. 545-552. ((Intervento presentato al convegno XLV Riunione Scientifica dell'Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria tenutosi a Modena.

L’economia animale del sito di Case Missiroli (Cesena)

Elena Maini;Antonio Curci
2018

Abstract

L’economia animale del sito di Case Missiroli (Cesena) – La composizione faunistica riscontrata nel sito del Bronzo recente di Case Missiroli evidenzia la netta prevalenza delle specie domestiche su quelle selvatiche, rappresentate solo da rari resti di cervo, ad indicare come la caccia rivestisse un ruolo marginale nell’organizzazione economica dell’insediamento. Le specie domestiche maggiormente rappresentate risultano essere gli ovicaprini anche se con una percentuale di poco superiore a quella dei maiali e dei buoi, evidenza di un uso equilibrato delle tre principali risorse domestiche. Le greggi costituite soprattutto da pecore evidenziano uno sfruttamento rivolto all’ottenimento di carne e lana a scapito, probabilmente, della risorsa casearia. La risorsa carnea doveva, comunque, essere garantita per la maggior parte da buoi e maiali, i primi macellati prevalentemente in età adulta al fine di essere sfruttati anche come forza lavoro e per la produzione di latte. Interessante è poi la presenza di un numero piuttosto alto, rispetto ad altre realtà coeve, di resti di cavallo, probabilmente impiegato per scopi utilitaristici, mentre risultano piuttosto rari i cani.
978-88-6045-072-2
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/1633713
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact