All’inizio del Novecento nel palcoscenico urbano del nuovo piazzale Flaminio di Roma va in scena l’ultima recita di quel colto eclettismo romano sensibile al necessario ”ambientamento” delle nuove opere nella città antica. L’architetto Ojetti progetta un villino in un lotto di nuova espansione di fronte alla Porta del Popolo. Lo storico dell’architettura, riferendosi alla tradizione rinascimentale del Sanzio, di Della Porta e di Fontana, ne adotta l’uso raffinato della prospettiva illusionistica, strumento di regolazione percettiva dell’architettura nel proprio contesto urbano. Tuttavia Ojetti va oltre, superando la dimensione storicistica dell’opera, egli incide il mantello eclettico dei fronti innestando un’architettura modernista. Un paradosso artistico ben compreso negli anni ’70 dall’architettura di Luigi Moretti che gli sorgerà accanto e che istituisce con quello un rapporto diretto esaltandone il ruolo di colloquio e di raccordo della città antica con quella moderna.

Un paradosso dell'eclettismo romano. Il il villino Ojetti-Borruso / Azzaro, Bartolomeo. - Volume secondo. Saggi in onore di Giovanni Carbonara:73-74, 2021(2021), pp. 363-370.

Un paradosso dell'eclettismo romano. Il il villino Ojetti-Borruso

Bartolomeo Azzaro
2021

Abstract

All’inizio del Novecento nel palcoscenico urbano del nuovo piazzale Flaminio di Roma va in scena l’ultima recita di quel colto eclettismo romano sensibile al necessario ”ambientamento” delle nuove opere nella città antica. L’architetto Ojetti progetta un villino in un lotto di nuova espansione di fronte alla Porta del Popolo. Lo storico dell’architettura, riferendosi alla tradizione rinascimentale del Sanzio, di Della Porta e di Fontana, ne adotta l’uso raffinato della prospettiva illusionistica, strumento di regolazione percettiva dell’architettura nel proprio contesto urbano. Tuttavia Ojetti va oltre, superando la dimensione storicistica dell’opera, egli incide il mantello eclettico dei fronti innestando un’architettura modernista. Un paradosso artistico ben compreso negli anni ’70 dall’architettura di Luigi Moretti che gli sorgerà accanto e che istituisce con quello un rapporto diretto esaltandone il ruolo di colloquio e di raccordo della città antica con quella moderna.
2021
architettura; novecento ; eclettismo
01 Pubblicazione su rivista::01a Articolo in rivista
Un paradosso dell'eclettismo romano. Il il villino Ojetti-Borruso / Azzaro, Bartolomeo. - Volume secondo. Saggi in onore di Giovanni Carbonara:73-74, 2021(2021), pp. 363-370.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Azzaro_Paradosso-eclettismo-romano_2021.pdf

solo gestori archivio

Note: Copertina, frontespizio, indice, articolo
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 4.01 MB
Formato Adobe PDF
4.01 MB Adobe PDF   Contatta l'autore

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1624467
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact