Il Dipartimento di Archeologia dell’Università di Bologna, in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, organizza campagne di scavi archeologici a Ostia antica dal 2007 nell'ambito del Progetto Ostia Marina. Ostia è uno dei siti archeologici romani più importanti del Mediterraneo: si tratta dell’unica città romana di cui si conoscano le forme fondamentali dell’impianto urbano e circa il 60% del tessuto architettonico del centro originario con edifici conservati in elevato per metri da terra, a volte su due o tre piani. Ostia vanta anche la più articolata e ricca serie di pavimenti a mosaico d’Italia. Gli 80 ettari del Parco archeologico costituiscono anche uno straordinario parco naturalistico della costa romana. Lo scavo - dislocato nel quartiere suburbano di porta Marina - tocca un’area miracolosamente sfuggita agli sterri del passato e dotata dunque di una potenzialità del tutto particolare per documentare la storia della città in un arco cronologico che va dall’età Repubblicana all’Alto Medioevo. Nel 2012 le ricerche sono dirette all'approfondimento della conoscenza del nuovo edificio termale scoperto (le cosiddette Terme del Sileno) e all'accertamento dei caratteri del paesaggio locale in epoca pre-adrianea.

Progetto Ostia Marina / David, M.. - (2012).

Progetto Ostia Marina

M. David
2012

Abstract

Il Dipartimento di Archeologia dell’Università di Bologna, in collaborazione con la Soprintendenza Speciale per i Beni Archeologici di Roma, organizza campagne di scavi archeologici a Ostia antica dal 2007 nell'ambito del Progetto Ostia Marina. Ostia è uno dei siti archeologici romani più importanti del Mediterraneo: si tratta dell’unica città romana di cui si conoscano le forme fondamentali dell’impianto urbano e circa il 60% del tessuto architettonico del centro originario con edifici conservati in elevato per metri da terra, a volte su due o tre piani. Ostia vanta anche la più articolata e ricca serie di pavimenti a mosaico d’Italia. Gli 80 ettari del Parco archeologico costituiscono anche uno straordinario parco naturalistico della costa romana. Lo scavo - dislocato nel quartiere suburbano di porta Marina - tocca un’area miracolosamente sfuggita agli sterri del passato e dotata dunque di una potenzialità del tutto particolare per documentare la storia della città in un arco cronologico che va dall’età Repubblicana all’Alto Medioevo. Nel 2012 le ricerche sono dirette all'approfondimento della conoscenza del nuovo edificio termale scoperto (le cosiddette Terme del Sileno) e all'accertamento dei caratteri del paesaggio locale in epoca pre-adrianea.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11573/1606492
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact