Sulla colonna più alta. Montale e l’Apocalisse