Sketches and paintings made by Hubert Robert during his long Roman stay in the mid-eighteenth century testify to the search for partial and unpublished views and a sensitivity to urban themes that promotes a use of the architectural capriccio, which was a genre of great commercial success, in a critical key. The analysis of the works through which it re-arrange the Port of Ripetta demonstrates his ability to combine Roman monuments and, at the same time, to investigate their nature and typological roots.

Gli schizzi e dipinti prodotti da Hubert Robert durante il lungo soggiorno romano alla metà del Settecento testimoniano la ricerca di scorci parziali e inediti e una sensibilità ai temi urbani che promuove un uso del capriccio architettonico, un genere di grande successo commerciale, in chiave critica. L’analisi delle opere attraverso cui rielabora il Porto di Ripetta dimostra la sua capacità di combinare i monumenti romani e, allo stesso tempo, di indagarne la natura e le radici tipologiche.

Il capriccio come progetto rubano. Hubert Robert e il porto di Ripetta / Colonnese, Fabio. - 2:(2021), pp. 263-271. ((Intervento presentato al convegno CIRICE 2020 IX Convegno internazionale tenutosi a Napoli.

Il capriccio come progetto rubano. Hubert Robert e il porto di Ripetta

fabio colonnese
2021

Abstract

Gli schizzi e dipinti prodotti da Hubert Robert durante il lungo soggiorno romano alla metà del Settecento testimoniano la ricerca di scorci parziali e inediti e una sensibilità ai temi urbani che promuove un uso del capriccio architettonico, un genere di grande successo commerciale, in chiave critica. L’analisi delle opere attraverso cui rielabora il Porto di Ripetta dimostra la sua capacità di combinare i monumenti romani e, allo stesso tempo, di indagarne la natura e le radici tipologiche.
978-88-99930-07-3
Sketches and paintings made by Hubert Robert during his long Roman stay in the mid-eighteenth century testify to the search for partial and unpublished views and a sensitivity to urban themes that promotes a use of the architectural capriccio, which was a genre of great commercial success, in a critical key. The analysis of the works through which it re-arrange the Port of Ripetta demonstrates his ability to combine Roman monuments and, at the same time, to investigate their nature and typological roots.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Colonnese_IL capriccio come progetto urbano_cover_2021.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Creative commons
Dimensione 2.21 MB
Formato Adobe PDF
2.21 MB Adobe PDF Visualizza/Apri PDF
Colonnese_Il capriccio come progetto urbano_2021.pdf

accesso aperto

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Creative commons
Dimensione 3.79 MB
Formato Adobe PDF
3.79 MB Adobe PDF Visualizza/Apri PDF

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1576838
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact