Richard Symonds (1617-1660), conoscitore e antiquario inglese, nel notebook Secrete intorno la pittura vedute e sentite dalla prattica del Sig. Angelo Canini in Roma riporta l’esito della sua frequentazione, tra il 1649 e il 1651, dello studio del pittore, disegnatore e incisore Giovanni Angelo Canini, allievo di Domenichino. Il manoscritto, in lingua inglese e in parte italiana, qui tradotto e annotato, descrive materiali (pigmenti, leganti, vernici, pennelli, tavolozze etc), ma anche l’allestimento dello studio e i procedimenti della pittura su tela e su muro (tecniche a fresco e a secco), dell’incisione, le tecniche della ripresa da modello, quelle di copiatura, le questioni conservative. La ricerca si è svolta esaminando il manoscritto alla luce delle fonti tecniche coeve e dei risultati delle indagini diagnostiche disponibili su Canini, Domenichino e il Barocco romano.

I Secrete intorno la pittura vedute e sentite dalla prattica del sig. Angelo Canini in Roma di Richard Symonds, 1649-1651 (Egerton Ms. 1636). Tecniche e procedimenti esecutivi della pittura romana di metà seicento attraverso i documenti, le fonti e le indagini scientifiche / DE RUGGIERI, MARIA BEATRICE. - (2021 Sep 27).

I Secrete intorno la pittura vedute e sentite dalla prattica del sig. Angelo Canini in Roma di Richard Symonds, 1649-1651 (Egerton Ms. 1636). Tecniche e procedimenti esecutivi della pittura romana di metà seicento attraverso i documenti, le fonti e le indagini scientifiche

DE RUGGIERI, MARIA BEATRICE
2021

Abstract

Richard Symonds (1617-1660), conoscitore e antiquario inglese, nel notebook Secrete intorno la pittura vedute e sentite dalla prattica del Sig. Angelo Canini in Roma riporta l’esito della sua frequentazione, tra il 1649 e il 1651, dello studio del pittore, disegnatore e incisore Giovanni Angelo Canini, allievo di Domenichino. Il manoscritto, in lingua inglese e in parte italiana, qui tradotto e annotato, descrive materiali (pigmenti, leganti, vernici, pennelli, tavolozze etc), ma anche l’allestimento dello studio e i procedimenti della pittura su tela e su muro (tecniche a fresco e a secco), dell’incisione, le tecniche della ripresa da modello, quelle di copiatura, le questioni conservative. La ricerca si è svolta esaminando il manoscritto alla luce delle fonti tecniche coeve e dei risultati delle indagini diagnostiche disponibili su Canini, Domenichino e il Barocco romano.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Tesi_dottorato_DeRuggieri.pdf

accesso aperto

Tipologia: Tesi di dottorato
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 14.13 MB
Formato Adobe PDF
14.13 MB Adobe PDF Visualizza/Apri PDF

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1575128
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact