In the light of the Christological tension between spiraculo/Spirito in Princ xxvi, which is also found also in one of Savonarola’s Homilies on Exodus, this essay proposes a Messianic, secularizing reading of the final Exhortatio of Machiavelli’s Prince, culminating in an exaltation of the pope. The whole text of the Prince hinges on this ambiguous Prince, who is both a sacral and temporal figure, called to become Italy’s political saviour. From that, a papal reading of Moses follows as an armed prophet, opposing Savonarola as the disarmed prophet. Lastly, this essay demonstrates how the term mandragola (mandrake) was commonly used by Savonarola’s enemies, as it is shown by one of Savonarola’s homilies on Exodus, heard by Machiavelli. The term was used as an offence linked to the red crosses, distinctive signs of the reformation proposed by the friar. This shows the symbolic and political magnitude of Machiavelli’s Mandragola, which ironically alludes to Savonarola’s age and celebrates the Medicean pope’s advent.

Alla luce della tensione cristologica tra spiraculo/Spirito in Prin xxvi, spiegata a partire da un passo delle Prediche sopra l’Esodo di Savonarola, il saggio propone una lettura messianica secolarizzata della conclusiva Exhortatio de Il principe machiavelliano, mostrando come essa sia finalizzata all’esaltazione del papa. L’intero testo de Il principe trova il suo perno in questo principe ambiguo, che è al tempo stesso una figura sacrale e temporale, chiamata a divenire il salvatore politico dell’Italia. Ne deriva una restituzione papale di Mosè come profeta armato, contrapposto a Savonarola profeta disarmato. Infine, il saggio dimostra come il termine mandragola fosse comunemente usato dai nemici di Savonarola, com’è provato da una delle sue Prediche sopra l’Esodo, alla quale Machiavelli assistette personalmente. Il termine era utilizzato come ingiuria rivolta alle piccole croci rosse, segni distintivi della reformatione proposta dal frate domenicano. Questo particolare dimostra la simbolica portata politica della Mandragola di Machiavelli, che allude ironicamente all’esperienza savonaroliana e celebra l’avvento del papa mediceo.

Lo «spiraculo» di Machiavelli e «le mandragole» di Savonarola. Due misconosciute metafore cristologico-politiche / Lettieri, Gaetano. - In: STUDI E MATERIALI DI STORIA DELLE RELIGIONI. - ISSN 0393-8417. - 87:1(2021), pp. 285-321.

Lo «spiraculo» di Machiavelli e «le mandragole» di Savonarola. Due misconosciute metafore cristologico-politiche

Gaetano Lettieri
2021

Abstract

In the light of the Christological tension between spiraculo/Spirito in Princ xxvi, which is also found also in one of Savonarola’s Homilies on Exodus, this essay proposes a Messianic, secularizing reading of the final Exhortatio of Machiavelli’s Prince, culminating in an exaltation of the pope. The whole text of the Prince hinges on this ambiguous Prince, who is both a sacral and temporal figure, called to become Italy’s political saviour. From that, a papal reading of Moses follows as an armed prophet, opposing Savonarola as the disarmed prophet. Lastly, this essay demonstrates how the term mandragola (mandrake) was commonly used by Savonarola’s enemies, as it is shown by one of Savonarola’s homilies on Exodus, heard by Machiavelli. The term was used as an offence linked to the red crosses, distinctive signs of the reformation proposed by the friar. This shows the symbolic and political magnitude of Machiavelli’s Mandragola, which ironically alludes to Savonarola’s age and celebrates the Medicean pope’s advent.
2021
Alla luce della tensione cristologica tra spiraculo/Spirito in Prin xxvi, spiegata a partire da un passo delle Prediche sopra l’Esodo di Savonarola, il saggio propone una lettura messianica secolarizzata della conclusiva Exhortatio de Il principe machiavelliano, mostrando come essa sia finalizzata all’esaltazione del papa. L’intero testo de Il principe trova il suo perno in questo principe ambiguo, che è al tempo stesso una figura sacrale e temporale, chiamata a divenire il salvatore politico dell’Italia. Ne deriva una restituzione papale di Mosè come profeta armato, contrapposto a Savonarola profeta disarmato. Infine, il saggio dimostra come il termine mandragola fosse comunemente usato dai nemici di Savonarola, com’è provato da una delle sue Prediche sopra l’Esodo, alla quale Machiavelli assistette personalmente. Il termine era utilizzato come ingiuria rivolta alle piccole croci rosse, segni distintivi della reformatione proposta dal frate domenicano. Questo particolare dimostra la simbolica portata politica della Mandragola di Machiavelli, che allude ironicamente all’esperienza savonaroliana e celebra l’avvento del papa mediceo.
Machiavelli; messianism; Savonarola; mandrakes; Pope
01 Pubblicazione su rivista::01a Articolo in rivista
Lo «spiraculo» di Machiavelli e «le mandragole» di Savonarola. Due misconosciute metafore cristologico-politiche / Lettieri, Gaetano. - In: STUDI E MATERIALI DI STORIA DELLE RELIGIONI. - ISSN 0393-8417. - 87:1(2021), pp. 285-321.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Lettieri_Spiraculo e mandragole_2021.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 1.08 MB
Formato Adobe PDF
1.08 MB Adobe PDF   Contatta l'autore

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1573972
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact