L’obiettivo principale dello studio è esaminare la relazione tra diversi tipi di vittimizzazione tra pari, il genere e lo stato d’immigrazione in un campione non rappresentativo di studenti italiani. In particolare, questa ricerca usa i dati della survey ISTAT “Integrazione delle Seconde Generazioni”, somministrata ad un gruppo di 68,127 studenti tra i 12 ai 19 anni (49% femmine; 47% immigrati di prima e seconda generazione). Usando una regressione logistica multinomiale, è stata esaminata l’associazione tra genere, status d’immigrazione e diversi tipi (verbale, fisica, relazionale) e livelli di vittimizzazione tra pari (mai, occasionalmente, frequentemente), tenendo sotto controllo alcune variabili sociodemografiche. L’analisi ha mostrato come gli studenti immigrati e i maschi in generale hanno più probabilità di essere frequentemente vittimizzati (verbale, fisica e relazionale) Inoltre, emerge un effetto interazione tra genere e status d’immigrazione: I maschi immigrati hanno più probabilità di appartenere alla categoria dei frequentemente vittimizzati rispetto alle femmine (native e immigrate) e ai maschi nativi. L’alta preoccupazione in Italia rispetto alla tematica dell’immigrazione e la maggiore prevalenza di vittimizzazione verso i maschi nel contesto italiano può spiegare il risultato ottenuto. Risultano necessari interventi di prevenzione e strategie di intervento per migliorare la sicurezza scolastica per gli studenti immigrati.

Le forme della vittimizzazione in adolescenza / Pistella, Jessica; Rosati, Fausta; Marini, Sara. - (2021), pp. 1-8. ((Intervento presentato al convegno MIGRAZIONI E DIVERSITA' crescere con le differenze a scuola tenutosi a Web Conference.

Le forme della vittimizzazione in adolescenza

Jessica Pistella;Fau Rosati;Sara Marini
2021

Abstract

L’obiettivo principale dello studio è esaminare la relazione tra diversi tipi di vittimizzazione tra pari, il genere e lo stato d’immigrazione in un campione non rappresentativo di studenti italiani. In particolare, questa ricerca usa i dati della survey ISTAT “Integrazione delle Seconde Generazioni”, somministrata ad un gruppo di 68,127 studenti tra i 12 ai 19 anni (49% femmine; 47% immigrati di prima e seconda generazione). Usando una regressione logistica multinomiale, è stata esaminata l’associazione tra genere, status d’immigrazione e diversi tipi (verbale, fisica, relazionale) e livelli di vittimizzazione tra pari (mai, occasionalmente, frequentemente), tenendo sotto controllo alcune variabili sociodemografiche. L’analisi ha mostrato come gli studenti immigrati e i maschi in generale hanno più probabilità di essere frequentemente vittimizzati (verbale, fisica e relazionale) Inoltre, emerge un effetto interazione tra genere e status d’immigrazione: I maschi immigrati hanno più probabilità di appartenere alla categoria dei frequentemente vittimizzati rispetto alle femmine (native e immigrate) e ai maschi nativi. L’alta preoccupazione in Italia rispetto alla tematica dell’immigrazione e la maggiore prevalenza di vittimizzazione verso i maschi nel contesto italiano può spiegare il risultato ottenuto. Risultano necessari interventi di prevenzione e strategie di intervento per migliorare la sicurezza scolastica per gli studenti immigrati.
File allegati a questo prodotto
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1573860
 Attenzione

Attenzione! I dati visualizzati non sono stati sottoposti a validazione da parte dell'ateneo

Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact