Be Now Here: verso un’archeologia della visione