La natura delle cose: Le quattro volte di Michelangelo Frammartino e l’aesthetic of slow