La ripetizione e il sublime. Danto, Lyotard, Warhol e la fine (differita) dell'arte