«Una felicità domestica, una felicità tutta indipendente dalle vicende del mondo». Su una lettera a Vincenza Roberti, l’amica e confidente