Il lavoro vulnerabile e la crisi del coronavirus