“Chi cura non è il terapeuta”: la dimensione religiosa nella cura attraverso alcuni casi etnografici