A close reading of the work-of-passages, the magical-witchy result of that immense gesture of “literary heroism”, which is "Tutto il ferro della Torre Eiffel" (2002): hyper-fictional device, acted by a principle of fantastic-demonic historiography of the temporality of the entre deux guerres, leaking, this one, through the very eyes of Walter Benjamin, its elective interpreter and sacrificial victim; and of the “doubles” of him. At the same time: a provisional interrogation of the forms of “vision” that Mari’s entire oeuvre, and especially this novel, imposes on its reader/viewer.

Una lettura in prossimità dell’opera-di-passaggi, risultato magico-stregonesco di quell’ immane gesto di “eroismo letterario”, che è "Tutto il ferro della Torre Eiffel" (2002): ordigno iper-romanzesco, agìto da un principio di storiografia fantastico-demoniaca della temporalità dell’entre deux guerres, trapelante, questa, tramite gli occhi stessi di Walter Benjamin, suo interprete elettivo e vittima sacrificale; e dei suoi doppi. Ma insieme: un’interrogazione provvisoria delle forme di “visione”, che l’opera tutta di Mari, e massimamente forse questo romanzo, impone al suo lettore/riguardante.

Angeli, demoni, nani. Nelle visioni degli hardware di Mari / Pomilio, Tommaso. - In: STUDIUM. - ISSN 0039-4130. - 117:1(2021), pp. 102-132.

Angeli, demoni, nani. Nelle visioni degli hardware di Mari

Tommaso Pomilio
2021

Abstract

Una lettura in prossimità dell’opera-di-passaggi, risultato magico-stregonesco di quell’ immane gesto di “eroismo letterario”, che è "Tutto il ferro della Torre Eiffel" (2002): ordigno iper-romanzesco, agìto da un principio di storiografia fantastico-demoniaca della temporalità dell’entre deux guerres, trapelante, questa, tramite gli occhi stessi di Walter Benjamin, suo interprete elettivo e vittima sacrificale; e dei suoi doppi. Ma insieme: un’interrogazione provvisoria delle forme di “visione”, che l’opera tutta di Mari, e massimamente forse questo romanzo, impone al suo lettore/riguardante.
A close reading of the work-of-passages, the magical-witchy result of that immense gesture of “literary heroism”, which is "Tutto il ferro della Torre Eiffel" (2002): hyper-fictional device, acted by a principle of fantastic-demonic historiography of the temporality of the entre deux guerres, leaking, this one, through the very eyes of Walter Benjamin, its elective interpreter and sacrificial victim; and of the “doubles” of him. At the same time: a provisional interrogation of the forms of “vision” that Mari’s entire oeuvre, and especially this novel, imposes on its reader/viewer.
Michele Mari; Walter Benjamin; pastiche; fantastico
01 Pubblicazione su rivista::01a Articolo in rivista
Angeli, demoni, nani. Nelle visioni degli hardware di Mari / Pomilio, Tommaso. - In: STUDIUM. - ISSN 0039-4130. - 117:1(2021), pp. 102-132.
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Pomilio_Angeli-demoni-nani_2021.pdf

solo gestori archivio

Note: http://www.gruppostudium.it/riviste/studium-ricerca-n-1-2021
Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 402.6 kB
Formato Adobe PDF
402.6 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1527326
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact