Sulle possibilità di fare psichiatria come psicoterapia (II parte)