A proposito della riedizione di «arte del diritto» (1946-1949) e di giusto processo vissuto con grazia