La dissidenza della parola Stefan George e l’avanguardia