Realtà e finzione. Una nota sui “Fatti inquietanti” di Juan Rodolfo Wilcock