“State contenti umana gente al quia”. Il caso Foodora tra qualche luce e molte ombre