Fantasia e delirio nei pazienti gravi. La declinazione del tempo