In un punto la lingua dello spazio (recensione di "Quasi leggera morte" di Osip Mandel’štam)