Pietro Augustoni, Giulio Camporese e il «Piano, per la Dogana nel Porto di Fermo» del 1787