L’etica e la riflessione. Una risposta a Marrone e Magni