La professione bibliotecaria in Italia: un lavoro “sostenibile”?