SULLA "INSCINDIBILITA'" DELLA PARTECIPAZIONE AZIONARIA