Guido Salvini e il sogno di un teatro stabile nella Roma del secondo dopoguerra