«Quel petardo di mia fortuna». Riconsiderando la “caduta” di Giovan Battista Ciampoli