La «vita culturale delle cose»: le macchine di fisica di monsignor Leprotti