Salvatore Valitutti e la crisi dello Stato italiano