Digital epigraphy. Tra automazione e singolarizzazione