Vedere l’invisibile nella Roma del Rinascimento