Slow for the cure. Un paradigma alternativo per reinventare la professione e il rapporto con i lettori nel mondo del giornalismo digitale