Gli Accordi di Osimo come apertura al comunismo eretico