Cellini, Serlio e la copia di un libro di Leonardo