Histone modifying enzymes have vital roles in the growth and survival of both parasites and humans. Targeting the epigenome can be a new strategy for the treatment of parasitic diseases. Compounds modulating histone acetylation/deacetylation have recently been reported hampering Plasmodium, Schistosoma, Leishmania, and Trypanosoma infections. Beside new histone deacetylase inhibitors, PfGCN5 and bromodomain inhibitors have been recently described to inhibit Plasmodium proliferation. Sm histone deacetylase 8 and SmSIRT2, as well as Leishmania and Trypanosoma sirtuins (SIR2rps), seem to be the most reliable targets to effectively fight the related protozoan infections. The selectivity toward parasite over mammalian cells is still an open question, and significant optimization efforts of epidrugs are still required to improve potency/selectivity and decrease toxicity. Recent reports on the alteration of cellular signaling pathways provoked by parasite infection through changes in the host acetylation/ deacetylation status at gene promoters may suggest novel therapeutic strategies to treat these diseases.

Gli enzimi che modificano l'istone hanno ruoli vitali nella crescita e sopravvivenza di parassiti e umani.Il target per epigenoma può essere una nuova strategia per il trattamento delle malattie casusate dai parassiti E' stato evidenziato che composti modulanti l'acetilazione / deacetilazione dell'istone sono in grado di ostacolare le infezioni da Plasmodium, Infezioni da Schistosoma, Leishmania e Tripanosoma. Oltre ai nuovi inibitori dell'istone deacetylase, PfGCN5 e inibitori del bromodomain sono stati recentemente descritti per inibire Proliferazione del plasmodio. Sm istone deacetylase 8 and SmSIRT2, nonché le sirtuine di Leishmania e Tripanosoma (SIR2rps), sembrano essere gli obiettivi più affidabili per efficacemente combattere le relative infezioni da protozoi. La selettività verso il parassita sulle cellule di mammifero è ancora una domanda aperta, e sono ancora necessari significativi sforzi di ottimizzazione di farmaci epigenetici in termini di potenza e selettività e riduzione della tossicità. Recenti lavori sull'alterazione delle vie di segnalazione cellulare da infezione da parassiti attraverso cambiamenti nell'acetilazione / deacetilazione suggeriscono nuove strategie terapeutiche per trattare queste malattie.

Targeting histone acetylation/deacetylation in parasites: an update (2017–2020) / Fioravanti, Rossella; Mautone, Nicola; Rovere, Annarita; Rotili, Dante; Mai, Antonello. - In: CURRENT OPINION IN CHEMICAL BIOLOGY. - ISSN 1367-5931. - 57:(2020), pp. 65-74. [10.1016/j.cbpa.2020.05.008]

Targeting histone acetylation/deacetylation in parasites: an update (2017–2020)

Rossella Fioravanti;Nicola Mautone;Annarita Rovere;Dante Rotili
;
Antonello Mai
2020

Abstract

Histone modifying enzymes have vital roles in the growth and survival of both parasites and humans. Targeting the epigenome can be a new strategy for the treatment of parasitic diseases. Compounds modulating histone acetylation/deacetylation have recently been reported hampering Plasmodium, Schistosoma, Leishmania, and Trypanosoma infections. Beside new histone deacetylase inhibitors, PfGCN5 and bromodomain inhibitors have been recently described to inhibit Plasmodium proliferation. Sm histone deacetylase 8 and SmSIRT2, as well as Leishmania and Trypanosoma sirtuins (SIR2rps), seem to be the most reliable targets to effectively fight the related protozoan infections. The selectivity toward parasite over mammalian cells is still an open question, and significant optimization efforts of epidrugs are still required to improve potency/selectivity and decrease toxicity. Recent reports on the alteration of cellular signaling pathways provoked by parasite infection through changes in the host acetylation/ deacetylation status at gene promoters may suggest novel therapeutic strategies to treat these diseases.
2020
Gli enzimi che modificano l'istone hanno ruoli vitali nella crescita e sopravvivenza di parassiti e umani.Il target per epigenoma può essere una nuova strategia per il trattamento delle malattie casusate dai parassiti E' stato evidenziato che composti modulanti l'acetilazione / deacetilazione dell'istone sono in grado di ostacolare le infezioni da Plasmodium, Infezioni da Schistosoma, Leishmania e Tripanosoma. Oltre ai nuovi inibitori dell'istone deacetylase, PfGCN5 e inibitori del bromodomain sono stati recentemente descritti per inibire Proliferazione del plasmodio. Sm istone deacetylase 8 and SmSIRT2, nonché le sirtuine di Leishmania e Tripanosoma (SIR2rps), sembrano essere gli obiettivi più affidabili per efficacemente combattere le relative infezioni da protozoi. La selettività verso il parassita sulle cellule di mammifero è ancora una domanda aperta, e sono ancora necessari significativi sforzi di ottimizzazione di farmaci epigenetici in termini di potenza e selettività e riduzione della tossicità. Recenti lavori sull'alterazione delle vie di segnalazione cellulare da infezione da parassiti attraverso cambiamenti nell'acetilazione / deacetilazione suggeriscono nuove strategie terapeutiche per trattare queste malattie.
histone acetylation/deacetylation; bromodomain inhibitors; sirtuins; neglected tropical disease; drug discovery.
01 Pubblicazione su rivista::01g Articolo di rassegna (Review)
Targeting histone acetylation/deacetylation in parasites: an update (2017–2020) / Fioravanti, Rossella; Mautone, Nicola; Rovere, Annarita; Rotili, Dante; Mai, Antonello. - In: CURRENT OPINION IN CHEMICAL BIOLOGY. - ISSN 1367-5931. - 57:(2020), pp. 65-74. [10.1016/j.cbpa.2020.05.008]
File allegati a questo prodotto
File Dimensione Formato  
Fioravanti_Targeting_2020.pdf

solo gestori archivio

Tipologia: Versione editoriale (versione pubblicata con il layout dell'editore)
Licenza: Tutti i diritti riservati (All rights reserved)
Dimensione 1.94 MB
Formato Adobe PDF
1.94 MB Adobe PDF   Contatta l'autore

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: https://hdl.handle.net/11573/1425034
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus 36
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? 34
social impact