«Unknown Unknowns». La conoscibilità del male e le possibilità della letteratura