La Shoah e l’immagine del sublime. Carnefici, vittime, spettatori