Gillo Pontecorvo, Kapò. Il tragico della “zona grigia” e il bianco e nero del melodramma