Unioni di fatto e riconoscimento di diritti: quando la narrazione di fatti statistici pesta i piedi alla politica