Dall’economia ai diritti, è ora di ribaltare le priorità